Arriva Linux Mint 17.3 “Rosa” MATE, scopriamone le novità

Il team di Linux Mint ha annunciato il rilascio di Linux Mint 17.3 “Rosa” MATE. Linux Mint 17.3 è basata su Ubuntu 14.04 LTS  e offre supporto esteso fino al 2019. La novità principale di questo rilascio è la presenza di MATE 1.12, l’ultima versione del desktop environment nato come fork di GNOME 2.
Fra le altre novità troviamo:
Menu applicazioni migliorato nell’aspetto

Desktop Settings migliorato con l’aggiunta del supporto a nuovi window managers (openbox, Compton e Compiz). Adesso è possibile cambiare window managers e applicare i cambiamenti al volo senza dover riavviare la sessione.

Compton viene installato in maniera predefinita ed è settato per evitare l’annoso problema del tearing durante la riproduzione dei video e può essere utilizzato come alternativa leggera a Compiz.
Il supporto a Compiz è stato migliorato con l’aggiunta di un nuovo default che prevede:

  • Finestre tremolanti attivate di default 
  • I profili di Compiz sono stati spostati in dconf per risolvere un problema che faceva si che le modifiche a Compiz non venivano registrate 
  • Possibilità di resettare le impostazioni di Compiz ripristinando i valori predefiniti
  • Supporto a Virtualbox

Aggiunti due nuovi comandi

  • wm-detect (per visualizzare le informazioni su quale windows manager/compositing è in esecuzione)
  • wm-recovery (per tornare al window manager predefinito)

Migliorata la gestione dei repository. Software Sources è ora in grado di selezionare il mirror più adatto e prestante in base alla nostra località

L’Update Manager è stato potenziato ed è in grado di rilevare:
Mirrors non aggiornati

Bloccare l’accesso a mirrors danneggiati per evitare di causare problemi al sistema durante l’aggiornamento

Raccomandare l’uso di mirrors locali

Migliorato anche il Driver Manager che ora è in grado di aggiornare in automatico la cache dei pacchetti prima di effettuare una ricerca driver.

I driver vengono ordinati in base allo stato ed è in grado di mostrare se il driver è open source o meno. Nel caso in cui vengano rilevati dei chipset Broadcom, Driver Manager è in grado di mostrare il driver B43 (richiede una connessione ad internet attiva).

Supporto HiDPI migliorato nel display manager MDM. Per migliorare il supporto per gli schermi touchscreen e i dispositivi mobili, è stata aggiunta una tastiera su schermo nella schermata di login.

Troviamo inoltre:

  • Welcome screen ridisegnata.
  • LibreOffice aggiornato alla versione 5.
  • Orca screen reader è ora installato per default.
  • I metodi di input sono ora gestiti da mintlocale che sostituisce im-config
  • Inxi è stato aggiornato ed ora supporta più schede grafiche.
  • Quando si sceglie di criptare la directory home, la memoria swap non vine più cifrata per default e dunque l’ibernazione funziona out of the box
  • Supporto OpenVPN installato per default
  • kernel 3.19, xorg 1.17 e mesa 10.5.9


Source: MarcosBox

Ti potrebbe interessare anche...