Crea sito

Immuni sarà open source e rispettosa della privacy

Negli scorsi giorni politica, media e comuni cittadini si sono interrogati su Immuni, l’applicazione per smartphone Android e iOS che il Governo Italiano ha commissionato a Bending Spoon e che verrà usata come strumento di contact tracing digitale per monitorare i contatti fra le persone infette al fine di fronteggiare al meglio la fase 2 dell’emergenza coronavirus.

Oggi il Ministero dell’Innovazione ha pubblicato un comunicato nel quale cerca di chiarire come funzionerà questa applicazione, il livello di privacy e il tipo di licenza adottata per il suo sviluppo:

  • Il sistema di contact tracing dovrà essere finalizzato tenendo in considerazione l’evoluzione dei sistemi di contact tracing internazionali, oggi ancora non completamente definiti (PEPP-PT, DP-3T, ROBERT), e in particolare l’evoluzione del modello annunciato da Apple e Google.
  • L’intero sistema integrato di contact tracing sarà interamente gestito da uno o più soggetti pubblici.
  • Il codice sorgente del sistema di contact tracing sarà rilasciato con licenza Open Source MPL 2.0 e quindi come software libero e aperto.
  • L’applicazione non dovrà accedere alla rubrica dei contatti del proprio telefono, non chiederà nemmeno il numero e non manderà SMS per notificare chi è a rischio. 
  • Inoltre sarà necessaria l’integrazione delle indicazioni e dei protocolli sanitari stabiliti dal Ministero della Salute e dalle autorità sanitarie. 
  • L’applicazione si baserà sull’installazione volontaria da parte degli utenti e il suo funzionamento potrà cessare non appena terminerà la fase di emergenza, con cancellazione di tutti i dati generati durante il suo funzionamento.
  • L’applicazione non conserverà i dati relativi alla geo-localizzazione degli utenti, ma registrerà esclusivamente i contatti pseudonimizzati di prossimità rilevati mediante la tecnologia bluetooth low energy.


Source: Immuni sarà open source e rispettosa della privacy

Ti potrebbe interessare anche...