Crea sito

Rilasciata Lubit Linux 5, ora anche per sistemi a 64-bit!

Il team di Lubit Linux ha annunciato il rilascio di Lubit Linux 5 nome in codice Jean!

Questa nuova versione della sempre più apprezzata distro italiana viene rilasciata per la prima volta nella variante a 64-bit in modo da poter sfruttare al pieno tutta la potenza della suddetta architettura.

Come sempre Lubit ha come punto di forza la leggerezza e questa release non fa eccezione riuscendo a girare fluida anche su macchine datate.
Tante le novità di questo rilascio, molte delle quali direttamente sviluppate dal team di Lubit Linux. Scopriamole assieme:

  • Il lubit control panel, un pannello dove l’utente ha tutti gli strumenti per configurare Lubit come meglio gli aggrada.
lubitcontrolpanel
  • Il lubit software center, un tool ad interfaccia grafica con cui poter installare una vasta gamma di programmi, selezionati in base alla frequenza d’uso da parte della comunità GNU/Linux. Il programma è in continuo sviluppo, e col tempo sarà implementato di nuove funzioni.
lubitsoftwarecenter

  • Il lubit conky change, un tool ad interfaccia grafica con cui cambiare lo sfondo colorato al conky. Anche questo programmino sarà, col tempo, implementato di nuove funzioni. Lo scopo è quello di poter modificare il conky, in tempo reale, in ogni sua parte e senza fare danni.

  • La lubit radio, un tool per ascoltare oltre 35 radio in streaming.
lubitradio
  • Il lubit imc, un programmino per calcolare l’indice della massa corporea (che insinua gravi cose su di me, guardate il video che segue per capire di cosa sto parlando tze)

lubitimc
  • La docky wbar “3D“, completamente configurata per Lubit.
  • Accorda, un tool che ci permette di accordare la chitarra.
  • CreaPW, un tool che ci consente di creare password sicure.
  • Televideo, un piccolo script per avere il televideo rai sempre a portata di mano
  • Gmail.py, uno script in Python, che notifica nel conky l’e-mail ricevute.
  • oblogout, l’applicazione di spegnimento.
  • Obmenu-generator, scripts in perl che gestiscono il file menu.xml e che sostituiscono obmenu. Dopo aver installato un programma, basta cliccare sulla voce rigenera il menu, per ritrovarsi il lanciatore del programma e la rispettiva icona nella sezione appropriata del menu stesso.
  • Not-folder, un’applicazione che, nel momento in cui ci si logga, nasconde le cartelle e file nascosti del file manager.
  • lubit-menu, un’applicazione che associa il lancio del menu al tasto start, posizionato sulla docky.
Tra i programmi installati trovate Firefox 35, abiword, pidgin, pcmanfm in lubit 32 bit, thunar in lubit 64 bit, Synaptic, lxterminal, liferea, istantanea, gparted, bleachbit, GDEbi, Evince, Tint2, DeaDBeeF, Xfburn, Guvcview, Gnome-MPlayer, Nitrogen in Lubit 64 bit, LXAppearance, Volumeicon-alsa, gsimplecal, svariati codec audio e video che ci consetiranno di eseguire qualsiasi file multimediale già da Live, etc.
Potete scaricare Lubit 5 Jean recandovi all’indirizzo http://lubitproject.com/download-lubit-5/ 
Di seguito vi lascio ad un piccolo video che ho realizzato su una delle mie macchine


Source: MarcosBox

Ti potrebbe interessare anche...