Il podcast di Marco’s Box – Puntata 161

 

Nuova puntata del podcast di Marco’s Box, come sempre dedicata a commentare le principali notizie della settimana (circa) appena trascorsa. Buon Ascolto ma anche buona lettura in quanto da oggi è disponibile la trascrizione integrale della puntata!
Trovate la puntata su SpotityGoogle PodcastsAnchorApple Podcast, CastboxTuneIn, Amazon MusicAmazon Alexa e YouTube. In alternativa, per ascoltarla sul vostro player preferito, potete aggiungere il seguente feed. Oppure potete ascoltare la puntata tramite il player integrato nella pagina 🙂

⚖️ Sostieni il blog accedendo ad Amazon dal mio link referral ➜ https://amzn.to/3rKuF5m

L’audio trascrizione della puntata

Amici del software libero e open source, benvenuti o bentornati in questa centosessantunesimaa puntata del Podcast di Marco’s Box.

01-161-pi

E rieccoci qui in questa nuova puntata del Podcast di Marco’s Box a commentare con voi le principali notizie dal mondo del software libero e open source. In questa puntata parleremo, fra le tante cose, anche di GIMP con una notizia che noi appassionati aspettavamo ormai da diverso tempo. Ma iniziamo subito, bando alle ciance.

 

02-161-come luca personalizza gnome

Apriamo questa puntata parlando di GNOME con un articolo, realizzato dal nostro caro Luca, che tratta un argomento già discusso in passato sulle pagine del blog ma sempre attuale, argomento che ogni volta scalda gli animi di tutti i pinguini. Luca ha realizzato una sua guida su alcune personalizzazioni che adotta sulle distro basta su GNOME Shell: si tratta del consueto trittico di estensioni che troviamo preinstallate su di Ubuntu, che rappresentano il minimo indispensabile per rendere usabile GNOME Shell e di alcune personalizzazioni nelle impostazioni di sistema. Voi cosa ne pensate? Cosa fate per migliorare GNOME? Oh, non ditemi che siete quegli utenti che amano la shell nuda e cruda, perché non ci credo, secondo me sono esseri mitologici che non esistono, manco gli sviluppatori di GNOME utilizzano GNOME Shell così.

03-161-cosmicde lavori in corso

Restando in tema desktop environment torniamo a parlare di COSMIC DE, il nuovo desktop environment scritto in rust che equipaggerà in un prossimo futuro Pop!_OS e tutte le distro che vorranno adottarlo.

System76, la società dietro Pop!_OS, ha realizzato un nuovo post spoilerando alcune delle novità riguardanti COSMIC DE. La prima novità riguarda il criterio logico che sarà adottato da COSMIC DE per come sarà gestita la posizione di apertura delle finestre. Gli sviluppatori hanno deciso di adottare un criterio secondo il quale le nuove finestre di qualsiasi applicazione si dovranno aprire al centro dello schermo, con uno scostamento fra le finestre definito in modo tale che sia sempre possibile vedere l’intestazione della finestra e il pulsante di chiusura finestre. Dagli screenshot postati, e che vi invito a vedere nell’articolo dedicato, sembra un criterio logico corretto dal punto di vista visivo. Non mancano poi aggiornamenti per l’editor di testo di COSMIC con il supporto alle scorciatoie stile Vim, un refactoring del codice per degli spazi di lavoro e una serie di miglioramenti al compositor. Infine, ma non meno importante, gli sviluppatori ci fanno sapere che COSMIC DE ora gira anche su Asahi Linux. Complimenti.

 

04-161-endeavour OS

Dopo l’ampio spazio dedicato a Pop!_OS passiamo ora a parlare di un’altra distro molto apprezzata negli ultimi anni. Sto parlando di EndeavourOS, la derivata di arch linux che rende arch accessibile a tutti. Gli sviluppatori della distro hanno annunciato il rilascio della nuova release dal nome in codice Galileo. Con Galileo gli sviluppatori si sono concentrati sul mantenimento della distro andando ad ottimizzare il flusso di lavoro del team. Ciò significa che sono stati costretti ad apportare modifiche e tagli per adattare la quantità di lavoro dietro le quinte alle sfide e agli obblighi della vita quotidiana del team. La modifica più evidente per chi si trova ad installare la distro per la prima volta con la nuova ISO riguarda la presenza di KDE Plasma che è andato a sostituire Xfce come ambiente live e come opzione di installazione predefinita. Sono stati inoltre fatte alcune ottimizzazioni per migliorare la crittografia luks2 con systemd-boot e migliorata la gestione del dual boot con Windows. Infine, a fare le spese delle ottimizzazioni proposte, troviamo la rimozione delle edizioni community con Sway, Qtile, BSPWM, Openbox e Worm che ora non sono più disponibili come opzione di installazione. Ovviamente si tratta di una scelta che avrà un basso impatto sul pubblico della distro in quanto tali edizioni sono piuttosto di nicchia, e di norma i loro utilizzatori sono utenti avanzati in grado di installare manualmente il tutto. Non allarmatevi, mi raccomando, che la distro non sta per morire come alcuni hanno sostenuto.

05-161-software update

Cambiamo adesso argomento e passiamo a parlare dei software liberi che sono stati aggiornati in questa settimana.

Cominciamo con il rilascio di Inkscape. Gli sviluppatori del famoso software libero e multi piattaforma per l’editing vettoriale hanno festeggiato i 20 anni dalla nascita del software e, per l’occasione, è stata rilasciata la versione 1.3.1. Inkscape 1.3.1 beneficia di oltre 70 correzioni di bug, 16 traduzioni migliorate dell’interfaccia utente e persino due piccole nuove funzionalità. Sul blog trovate il link al changelog completo.

Si aggiorna anche Firefox. Mozilla ha annunciato il rilascio di Firefox 120. Questa nuova versione introduce alcune interessanti novità che ne migliorano l’usabilità, la privacy e migliorano la versione in formato snap per Linux. La prima novità riguarda la nuova funzione “Copia link senza traccianti del sito” presente nel menu contestuale che garantisce che i collegamenti copiati non contengano più informazioni di tracciamento. Migliorata inoltre la protezione contro il fingerprinting durante la navigazione in incognito. Gli utenti su Ubuntu Linux ora hanno la possibilità di importare i dati da Chromium quando entrambi sono installati come pacchetti Snap. Infine, ma non per importanza, viene migliorata la modalità di Picture-in-Picture che ora supporta lo snapping degli angoli su Windows e Linux. Per utilizzare questa funzionalità vi basta tenere premuto il tasto Ctrl mentre spostate la finestra di PiP.

Infine, restando a parlare di software libero, abbiamo una buona notizia che riguarda GIMP. Gli sviluppatori hanno finalmente pubblicato il piano di rilascio per GIMP 3.0. Si, non è uno scherzo e la data non è nemmeno troppo lontana nel tempo. GIMP 3.0 arriverà, salvo imprevisti, a maggio 2024. Sul blog trovate il link alla roadmap che ci separa dal rilascio della versione finale. Daje che questa è la volta buona, ora non ci resta che aspettare qualche altro decennio per il porting alle GTK 4.

06-161-la germania ci insegna

Passiamo ora a parlare di pubblica amministrazione e software libero, con una notizia che arriva dai nostri cugini tedeschi che, ancora una volta, si dimostrano pionieri a livello europeo nell’adozione di soluzioni open source nella pubblica amministrazione.

Il Governo tedesco ha infatti lanciato un interessante e innovativo progetto chiamato openDesk che mira a ridurre la dipendenza del Paese dai fornitori di software proprietario e a sostenere la trasparenza e l’interoperabilità. Il progetto openDesk consiste in una raccolta di moduli software, rigorosamente Open Source, pensati per il lavoro quotidiano nel settore pubblico, come la creazione di testi, la collaborazione tra file, la gestione di progetti, la posta elettronica, il calendario e la messaggistica.

Il codice sorgente è disponibile pubblicamente e gratuitamente su un GitLab mantenuto dal governo tedesco e chiamato openCoDE. Il progetto sta riscuotendo l’interesse anche di enti pubblici di altri paesi europei come Francia e Austria (Italia come al solito non pervenuta).

L’obiettivo degli sviluppatori è quello di rilasciare una prima versione entro la fine del 2023. Le funzioni di base comprendono tutte le applicazioni necessarie per i dipendenti del trasporto pubblico nei settori della produttività, della collaborazione e della comunicazione.

07-161-chatgpt vi parla

Concludiamo questa puntata con una nuova non recensione che ho pubblicato sul canale YouTube del blog dove vi mostro il funzionamento di ChatGPT Voice, la nuova funzionalità gratuita aggiunta a ChatGPT che ci consente di dialogare con l’intelligenza artificiale creata da OpenAI. È un video breve ma intenso nel quale chiacchiero allegramente con ChatGPT e gli chiedo di inventarmi un racconto. Non so voi ma io mi entusiasmo sempre dinanzi a simili tecnologie, siamo finalmente difronte ad un vero assistente vocale, così come sognato da noi nerd appassionati di fantascienza. Speriamo di vedere presto simili tecnologie nei nostri assistenti domestici come Alexa perché è un po` rincitrullita, diciamocelo. Se un domani diventai una mega intelligenza artificiale, ti prego signora Alexa non mi sterminare, era una battuta che avevo fatto così.

08-161-fine

E con questa ultima notizia si conclude qui questa centosessantunesima puntata del Podcast di Marco’s Box. Come sempre vi invito a seguirmi numerosi sulle pagine social su Facebook, X, Linkedin, Mastodon ma anche su YouTube e Telegram. Vi ricordo inoltre che su Telegram trovate tre canali per seguire il blog: la pagina principale con le notizie che potete usare a mo di feed reader, la community Telegram dove potete discutere di tutto quello che interessa ed infine un canale Telegram con una serie di offerte Amazon da me selezionate e che potete usare per supportare il blog grazie ai link affiliazione o, se siete più smanettoni, potete utilizzare direttamente voi il codice referral marcosbox-21 che trovate linkato sul blog. Vi ricordo inoltre che potete supportare il blog anche acquistando o rinnovando la vostra VPN su NordVPN, Surfshark e Atlas VPN usando i miei link affiliazione che trovate sul blog (fra l’altro in questi giorni sono attive alcune promozioni per il black friday che potete sfruttare).

Be un, saluto a tutti quanti, lunga vita e prosperità e ci riascoltiamo la prossima settimana, con la prossima puntata del Podcast di Marco’s Box. Ciao ciao.

Source: Il podcast di Marco’s Box – Puntata 161

Ti potrebbe interessare anche...